marco valenti scrive

marco valenti scrive

10 febbraio 2011

Colla (a teatro San Giustino)




Il racconto “Colla”, in appendice al libro Cometa e bugie, è stato messo in scena l’11 dicembre a Roma, dalla Compagnia “Signori chi è di scena!” con la regia di Monica Ferri che lo ha anche interpretato insieme a Luca Conticelli. Qui alcune foto dello spettacolo ed un ampio incipit preso dal copione.

COLLA

MORENA

Le cose, le cose. Si fa presto a dire le cose. Le cose cosa? Quelle che non sappiamo, che non vediamo mai e che non saranno mai nostre? E che son cose quelle? Non sono niente, non esistono per nulla. Invece le altre cose, quelle vere, i sogni, i quadri, i tramonti in montagna e i manifesti delle pubblicità o le canzoni alla radio, che ti entrano dentro, che diventano tue, che sono tue anche se non lo sai, quelle sono cose e ci si può parlare, se ne può se vuole. Ce ne è, dio se ce n’è.

LUCA

Mi sembrano troppe e un poco generiche, confuse. Non crede?

MONICA

Non sono generiche affatto, non sono confuse e neanche troppe: sono tutte e ad una ad una fanno l’intero, il pieno...

LUCA

Lei è una persona intelligente. Non teme di fare confusione tra gli oggetti e le impressioni? Tra le cose vere e i ricordi che le lasciano?

MONICA

Lei sta indossando una cravatta verde a pois avana, di seta. Brutta cravatta. Se domani tornerà qui a parlare con me probabilmente indosserà un’altra cravatta ma comunque la sua cravatta verde resta di un verde oliva che fa schifo e sarà una cravatta brutta anche se me ne scordassi così come è un cravatta che non si dimentica. E poi Carosello resta carosello, Jesus Christ Superstar un musical e un gran film, come Indiscreto o Amarcord, e le canzoni vengono in testa come frammenti di pensieri, il vento fa piacere sulla pelle accaldata e viene un leggero brivido, l’erba bagnata profuma di prato e tutto è come è e non c’è un cazzo da fare.

LUCA

I suoi sono giudizi e, lasciamo stare la cravatta, non sono cose ma giudizi sulle cose...

MONICA

Guardi, lei può anche offendersi, la cravatta è una cravatta ed è una cravatta brutta, parte da una tonalità improbabile di verde, è inaccostabile a qualsiasi colore, persino alla sua faccia ossuta, e la sua faccia è la sua faccia a prescindere da me, da lei e dalla sua amata cravatta e sono cose con cui devo comunque fare i conti. Esistono e ci devo fare i conti, le conosco, le so e ci devo fare i conti.

LUCA

La cravatta me l’hanno regalata e devo metterla anche per cortesia. Non sono offeso e non credo, francamente, che lei sia nella posizione di potere risultare offensiva. Il problema è che le cose sembrano appiccicarlesi addosso senza alcuno schermo protettivo. Lei non seleziona mai?

MONICA

Perché lei invece decide sempre a cosa e a chi pensare, e cosa e chi le deve venire in testa e quando e per quanto tempo? Lei ragiona tipo “cazzo, sono le cinque meno un quarto è ora di pensare a Isabella o a quanto è brutto il droghiere di Corso Italia o al conto del dentista e via e via”? Magari adesso mi dice una frase del tipo “le domande le faccio io” o roba del genere... Dottore, mi dia retta, è come dico io. E’ come è, le cose vanno come devono andare e se non fai finta di non sapere ci fai i conti, prima o poi ci fai i conti e anche se lo sai è sempre quando meno te lo aspetti. Non conosco dimenticanza né oblio né perdono perché niente si può scordare o non farci caso...

LUCA

Se passassimo dalle cose alle persone?

MONICA

Gli oggetti sono oggetti, i sentimenti sono sentimenti e le sensazioni e le emozioni... Riempirsi, riempirsi sempre, ecco, e respirarle fino in fondo e assaporare. Il rosmarino e i chicchi di sale grosso sulla focaccia calda del fornaio. Le persone sono come sono, pure loro. Le loro facce e i loro corpi sono come sono e i loro cuori sono tutti diversi. Perciò le loro parole mi fanno paura; mi spaventano perché non è detto che siano quello che dicono e non è detto che si comportino come dicono e spesso bestemmiano l’amore. Allora ho paura, vera paura, e vivo sola. Perché non si appiccichi, come dice lei, qualcosa che poi si traduca in dolore infinito, o in tentazione di rancore.

LUCA

Tutti hanno paura delle delusioni.

MONICA

Ho parlato forse di delusioni? Tu resti deluso se ti aspetti cioccolata e ti arriva merda: io non mi aspetto né merda e neanche cioccolata.

LUCA

E’ lei che ha parlato di paura.

MONICA

Le cose, le parole, il calore, la cordialità, la complicità come una intesa, fare sesso come darsi un bacio veloce, sono tutti fatti che poi non posso fare come se non ci siano. Il mio computer non ha il cestino per cancellare i files e, probabilmente, ho un hard disc sovraccarico. Guardi, il fatto è che tanto più ci sento benissimo tanto più ho il sacrosanto terrore dei malintesi, di malintendere. Allora caro dottore, allora caro amico, allora caro prossimo, non mi dire bugie e non mettermi nella condizione di indurti a dirmi bugie. Non sono pronta (non lo sarò mai e non voglio prepararmi), non sono degna di tutto questo e non ho fatto nulla per meritare una tale cura. Caro dottore, anche tu che passi come un meteorite nella mia vita prendi un posto, tu e la tua brutta cravatta e la tua faccia ossuta e quel tuo sorriso professionale, e non ti ho chiesto io ma, ciò non ostante, sei qui e volendo sei nella posizione di dirmi una cosa per un’altra, di prendermi per il culo. Vieni, ti siedi, mi dici “di quali cose vuole parlare?”, ma arriva al sodo per piacere! So ben io quanta colla ci sia, e anche per te, per tenere attaccate tutte le facce del mondo e tutte le facce della mia vita che, te lo ho detto, non le cerco e non ne voglio.

LUCA

Lei dorme bene?

MONICA

Prendo il Tavor e dormo benissimo.

LUCA

Per spegnere l’interruttore del suo computer?

MONICA

Presumibilmente. La memoria è troppo piena di ospiti inattesi. Occorre che riposi, a volte. Altri dovrebbero attivarla di più e invece fingono di scordare cuori, e sguardi e occhi, corpi e sentimenti, e svuotano le parole e la vita stessa del loro suono, della musica. Lei ama la musica? Certamente sì. Ogni sentimento, ogni azione della tua vita, ogni oggetto e qualsiasi cosa ha una musica, un tempo e un ritmo, una colonna sonora. Ci vuole rispetto di tutto questo. Io non sono degna di altri.

LUCA

Risulta che lei non sia stato troppo rispettosa ultimamente. Pare anche che il suo sentirsi indegna si sia manifestato in modi, come potrei dire... mi aiuti... eccentrici?

MONICA

Lei è qui per cercare di capire, dottore, si applichi senza sarcasmo del cazzo perché non la aiuta affatto. Io rimango indegna a prescindere dagli ultimi fatti ma non sono degna di avere a che fare anche con chi mente non a me, che poco importa, ma a se stessa, e più ancora alle cose.

LUCA

Le cose. Ancora parla di cose. Lo vede?

MONICA

Parlo di cose perché le cose sono. Io posso mentire a lei, dottore, e farle credere di essere malata e lei può mentire a me e farmi credere di volermi o di potermi aiutare, ma le cose stanno come stanno, i fatti sono fatti. Ho compiuto azioni precise non tanto verso chi aveva voluto scordarsi di me quanto verso un uomo che si guardava allo specchio e si diceva “non la amo più”, e si diceva una bugia. Ma la mia non è una memoria labile né una memoria selettiva: io mi ricordo e mi ricordo bene e tutto e tutti. Anche le parole di lui e quello che mi aveva detto la sua bocca e quello che avevo letto nel suo cuore. Volevo che anche lui se ne ricordasse. Colla.

LUCA

Quindi lei non si sente in colpa? Rifarebbe quello che ha fatto senza esitare?

MONICA

E’ questo il suo problema? Lei è un confessore, un medico, un poliziotto o un giudice o cosa? Vuole la confessione per il pentimento dei cattolici o per la vendetta dei calvinisti o per la giustizia degli uomini?

…(continua)

COMETA E BUGIE su www.lafeltrinelli.it o su www.ilmiolibro.it

Nessun commento:

Posta un commento

Costretto al test di verifica dal proliferare di spam. Mi spiace. Spero molto in tanti commenti e spero che, a prescindere dal fatto che non vengano moderati da me, siano di buon gusto e vengano firmati. Buona lettura e buon commento a tutti.