marco valenti scrive

marco valenti scrive

24 giugno 2009

il bonton e la manina

Bonton e manina davanti alla bocca.

La notizia è che hanno studiato, scientificamente, cosa succede quando si tossisce e quando si starnutisce; la composizione di quanto viene emesso in termini di volume delle particelle; la velocità e la distanza che può essere coperta; il tempo di persistenza nell’aria.

I risultati sono sbalorditivi.

Alcune particelle di starnuto, particolarmente piccole, arrivano a superare i trecento chilometri orari e, proprio in quanto infinitesime, possono rimanere nell’aria – sospese – per un tempo lunghissimo.

Mi hanno insegnato a mettere la mano davanti alla bocca; hanno fatto bene; facciamolo tutti con convinzione.

Ecco il link dell’articolo.

http://www.repubblica.it/2009/06/sezioni/scienze/segreti-starnuto/segreti-starnuto/segreti-starnuto.html

1 commento:

  1. mi hanno fatto una capa tanta e ormai è un riflesso condizionato, come non parlare con la bocca piena e correggere tutti quelli che usano imparare a l posto di insegnare

    RispondiElimina

Costretto al test di verifica dal proliferare di spam. Mi spiace. Spero molto in tanti commenti e spero che, a prescindere dal fatto che non vengano moderati da me, siano di buon gusto e vengano firmati. Buona lettura e buon commento a tutti.